Corsa ludico motoria: che cos'è, tipi di gare e certificazioni

Corsa ludico motoria: che cos’è, tipi di gare e certificazioni

La corsa ludico-motoria è un’attività fisica atta al benessere psico-fisico della persona che la pratica

All’interno delle competizioni non agonistiche troviamo la corsa ludico-motoria, che si riferisce, appunto, a un tipo di attività non competitiva e, a parte casi specifici, senza l’obbligo di presentare il certificato medico di idoneità sportiva agonistica. Cosa si intende, quindi, per questo tipo di gara?

Attività ludico-motoria: la definizione corretta

Quando parliamo di attività ludico-motoria intendiamo, nell’ambito della podistica, gare sportive non agonistiche e non competitive. Gli atleti che vi partecipano, dunque, non sono tesserati e non sono iscritti a società o enti di promozione sportiva, ma si radunano per concorrere, individualmente o collettivamente, per scopi puramente ricreativi e non competitivi. Inoltre, è definita amatoriale una corsa ludico-motoria quando i corridori non rappresentano Federazioni, Discipline associate o Enti riconosciuti dal Coni e svolgono l’attività in questione al semplice scopo di mantenere uno stato di benessere psico-fisico.

Le gare

Nell’ambito della podistica, la corsa a carattere ludico-motorio, come dice il termine stesso, è atta a un puro svago dell’atleta, che consegue benessere salutare attraverso il movimento. Un esempio perfetto e semplice per comprendere il concetto è il jogging, su pista, al parco o in riva al mare, o le sempre più popolari Run 5.30, corse che radunano folle di appassionati con partenza, appunto, alle 5.30 del mattino. Sono comprese all’interno di questa tipologia di gara tutte le attività cui partecipano studenti o alunni tramite organizzazione scolastica o parascolastica e chi partecipa a giochi sportivi studenteschi precedenti alle fasi nazionali. Infine, le corse ludico-motorie possono essere patrocinate da enti riconosciuti da Coni e Federazioni senza che, però, siano considerate competitive: chi partecipa, infatti, non deve rientrare nella definizione di “atleta agonista”, così come definito nel D.M. 18/02/1982.

Certificazioni mediche necessarie

Di norma, una corsa ludico-motoria non esige un certificato medico, se non per alcune casistiche specifiche in caso di attività cardiovascolare elevata o distanze superiori ai 20 km. È bene, in ogni caso, fare riferimento al proprio medico di base, che conosce l’anamnesi completa del paziente e saprà indirizzarlo opportunamente in caso di patologie o problematiche particolari esistenti. Per chi, invece, pratica questa attività in maniera amatoriale, occasionale e per puri scopi ricreativi e di benessere personale non c’è obbligatorietà di presentare alcun documento all’atto dell’eventuale iscrizione alla gara. La medesima regola vale per i podisti che praticano la corsa ludico-motoria in autonomia e senza appartenere a un determinato contesto sportivo organizzato.

Fonte immagini: iStock